[Repost] ¬ęI love you an egg¬Ľ, traducciones literales que triunfan en la red (by Aurora Fl√≥rez de ABCEDESEVILLA)

Sono creativi. Sono bravi. Sono Nicholas Isard, inglese, laureato in Lingue Moderne; Marielle Lambrun, francese, laureata in Filologia Ispanica; e il fondatore Daniel Vivas, sivigliano ed economista
Hanno creato “Superbrit√°nico” e¬†traducono letteralmente i modi di dire spagnoli in lingua inglese.¬†
Un fenomeno virale che trionfa nella rete! ūüôā
Enjoy!

Cfr. articolo originale: http://www.abcdesevilla.es/sevilla/20140316/sevi-traduce-literal-ingles-201403132041.html#.UygyPFhvDDw.twitter

Superbrit√°nico

SEVILLA

¬ęI love you an egg¬Ľ, traducciones literales que triunfan en la red

AURORA FL√ďREZ¬†ABCEDESEVILLA¬†/¬†SEVILLA
D√≠a 16/03/2014 –¬†08.16h

Tres emprendedores triunfan desde Sevilla con ¬ęSuperbrit√°nico¬Ľ y su idea de trasladar lo m√°s granado de nuestras frases al ingl√©s

¬ęOh pity, little pity, pity!¬Ľ, o lo que es lo mismo:¬†¬ę¬°Ay pena, penita, pena!¬Ľ,¬†¬ęLife is a lottery, lot lot lotery!¬Ľ¬†(¬ęLa vida es una t√≥mbola, tom tom tombola¬Ľ, ¬ęToday, donŇĹt have the pussy for litte lanterns¬Ľ -¬ęHoy no tengo el chichi pa farolillos¬Ľ, son algunas de las frases que est√°n haciendo¬†furor en Internet¬†en traducciones literales al ingl√©s de las expresiones m√°s populares, m√°s graciosas y m√°s repetidas de este nuestro pa√≠s.

Est√°n en¬†Twitter, en¬†@superbritanico, que las planta en tazas, delantales, bolsos y otros art√≠culos que venden desde una tienda online. ¬ęSuperbrit√°nico¬Ľ es idea de¬†tres j√≥venes emprendedores en Sevillaque no llegan a los 30 a√Īos de edad: Nicholas Isard, brit√°nico, licenciado en Lenguas Modernas, Marielle Lambrun, francesa, licenciada en Filolog√≠a hisp√°nica, y el fundador, Daniel Vivas, sevillano y economista. Cuentan con m√°s de¬†250.000 seguidores en las redes sociales.

En diciembre, mes en que abrieron sutienda online¬†se agotaron las existencias en pocos d√≠as. Vidas asegura que ¬ęentre traducci√≥n y traducci√≥n surgi√≥ la idea de hacer las¬†traducciones literales¬†y comenzamos a¬†compartirlas¬†a trav√©s de las redes sociales¬Ľ. Nunca imaginaron que esta idea alcanzar√≠a tal √©xito. Y tampoco pensaron en que, ¬ęa nivel de vocabulario puede ser de ayuda para todas aquellas personas que est√°n aprendiendo el idioma. Nos llama mucha gente para darnos la enhorabuena porque gacias a¬†¬ęSuperbrit√°nico¬Ľ¬†han aprobado su¬†examen de ingl√©s¬Ľ.

Divertido y original es, no cabe duda. Y ah√≠ va una muestra de ello, √©sta para que practiquen:¬†¬ęGo to fry aspargus¬Ľ, ¬ęYou are the joy of the vegetable garden¬Ľ, ¬ęFemale monkey painter¬Ľ o ¬ęI love you an egg¬Ľ, de un amplio cat√°logo en el que¬†no faltan frases de canciones archiconocidas, en las que hasta se recupera a las Mama Chicho:¬ęMum, Chicho touches me, he is touching me more and more¬Ľ.

Hay para elegir, adem√°s entre lo m√°s granado del panorama musical y de su repertorio de respuestas.¬†Raphael: ¬ęScandal! itŇĹs a scandal¬Ľ, Lola Flores: ¬ęIf you love me, go away!¬Ľ (¬°Si me quer√©is, irse!), ¬ęWhat’s wrong with the blackberry¬†which cries and cries at all hours around the corners?¬Ľ (¬ę¬Ņqu√© tiene la zarzamora que a todas horas llora que llora por los rincones?¬Ľ);¬†Roc√≠o Jurado: ¬ęIt’s been a while since I don’t feel anything when doing it with you¬Ľ (¬ęHace tiempo que no siento nada al hacerlo contigo¬Ľ); o Isabel Pantoja: ¬ęSailor of lights, with soul of fire and tanned back¬Ľ (¬ęMarinero de luces, con alma de fuego y espalda morena¬Ľ,¬†¬ęTeeth, teeth, that’s what fucks them¬Ľ¬†(¬ęDientes, dientes, que eso es lo que les jode¬Ľ)… Pues eso, en dos palabras¬†made in Jesul√≠n de Ubrique: ¬ęIn two words: im pressive¬Ľ.

[Repost] Vuoi fare conversazione in una lingua straniera? (by Francesca Cosi e Alessandra Repossi)

DOMENICA 16 MARZO 2014

Articolo originale apparso su:
Studio editoriale Cosi e Repossi –>¬†http://www.cosierepossi.com/2014/03/imparare-lingue-scambi-di-conversazione.html

Vuoi fare conversazione

in una lingua straniera?

Hai mai fatto¬†scambi di conversazione¬†per imparare o perfezionare una lingua straniera? Per met√† del tempo parli italiano e per l’altra met√† la lingua del tuo interlocutore.

Se una volta era necessario incontrarsi di persona, oggi su internet è possibile organizzare gratuitamente scambi con utenti di tutto il mondo, grazie al sito ConversationExchange.

Su¬†ConversationExchange¬†la procedura √® semplicissima: cliccando su “Cerca un partner di conversazione” al centro della pagina, si apre un form in cui dobbiamo inserire la lingua del nostro interlocutore, la nostra e spuntare la casella “Usando un chat software“. In base a questi dati, il sito ci offre una lista di utenti che rispondono alle nostre esigenze e che potremo contattare via Skype o con uno degli altri software suggeriti.

Se poi vogliamo incontrarli di persona, √® sufficiente selezionare la casella “Conversazione faccia a faccia“, il paese e la citt√† in cui vogliamo organizzare lo scambio.

Abbiamo messo alla prova il sito cercando interlocutori madrelingua portoghesi e i risultati sono stati incoraggianti: abbiamo trovato 251 utenti disposti a scambiare online conversazioni in questa lingua con l’italiano e 2 brasiliani che accettano anche incontri¬†face to face¬†a¬†Firenze.

E tra una conversazione e l’altra √® possibile¬†ampliare il nostro vocabolario¬†con¬†Memrise, che permette di creare e rafforzare i collegamenti mentali tra una parola italiana e il corrispettivo nella lingua scelta arrivando a¬†memorizzare 1000 vocaboli stranieri in 22 ore. Da provare!

La foto √® stata scattata nel 1973 da Charles O’Rear ed √® disponibilequi.

[Repost] A Word, Please: Superstitions of the grammatical kind (by June Casagrande)

A Word, Please: Superstitions of the grammatical kind

By June CasagrandeMarch 4, 2014 | 10:55 a.m.

How time flies.

It seems like just yesterday I was writing a column debunking the myth that it’s wrong to start a sentence with a conjunction.

And it seems like just the day before yesterday that I wrote the same thing. And the day before that, the same thing, going back about 12 years to when I started writing this column, bright-eyed and hopeful that I could make a difference by debunking grammar myths.

Foolish child. Grammar superstitions are a heck of a lot more powerful than I’ll ever be, as evidenced by an email I got recently from a reader named Paul in Venice, Calif. After some introductory matter of an ad hominem nature (“You’re an embarrassment” and the like), Paul proceeded to outline a number of grammar atrocities I committed in a recent column.

I do make mistakes in this column. When I get an e-mail with a subject line like “You’re very disappointing,” I cringe in anticipation of learning that I made an actual, you know, error. Happily, this was not such an instance.

All the mistakes Paul found in my column were his, rooted in a slew of common grammar superstitions. Paul’s biggest beef, judging by the amount of time he dedicated to it, was that I started four sentences with conjunctions.

A conjunction is a joining word that comes in several varieties. The best known are the coordinating conjunctions, the most common of which are “and,” “but,” “or” and “so.” These words coordinate ‚ÄĒ join ‚ÄĒ words, phrases or even whole clauses.

A much larger group, subordinating conjunctions, introduce clauses that are subordinate to some other clause in the sentence. For example, “if” is a subordinating conjunction in “If you want me, I’ll be in my room.” The word “if” renders the first clause subordinate, meaning it can’t stand on its own as a complete sentence.

There are other types of conjunctions too. But coordinators are the ones to note because, not only are they the most common, they’re also the subject of a widespread grammar superstition.

Some folks are taught that it’s wrong to start a sentence with one. So the sentence before last, which started with “but,” would be considered an error. So would this one. And this one would too.

Unfortunately for would-be critics too eager to play the “gotcha” game, that’s superstition. But you don’t have to take my word for it.

“There is a widespread belief ‚ÄĒ one with no historical or grammatical foundation ‚ÄĒ that it is an error to begin a sentence with a conjunction such as ‘and,’ ‘but’ or ‘so,'” writes the Chicago Manual of Style.

“‘and,’ A. Beginning sentences with. It is a rank superstition that this coordinating conjunction cannot properly begin a sentence,” notes Garner’s Modern American Usage.

“‘but.’ A. Beginning sentences with. It is a gross canard that beginning a sentence with ‘but’ is stylistically slipshod. In fact, doing so is highly desirable in any number of contexts, as many stylebooks have said,” Garner’s adds.

“There is a persistent belief that it is improper to begin a sentence with ‘and,’ but this prohibition has been cheerfully ignored by standard authors from Anglo-Saxon times onwards. An initial ‘and’ is a useful aid to writers as the narrative continues,” notes Fowler’s Modern English Usage.

I wrote Paul back to thank him, explaining that it’s a treat to open an email about mistakes I made and learn that I made none. I even threw in a little free advice for Paul ‚ÄĒ advice of the “Maybe do your homework before you fire off emails of the ‘You are an embarrassment’ variety.”

But Paul didn’t write back. And I don’t expect him to anytime soon.

JUNE CASAGRANDE¬†is the author of “It Was the Best of Sentences, It Was the Worst of Sentences.” She can be reached at¬†JuneTCN@aol.com.

[Reposted from Veronica]¬†Cf. original piece: “http://bit.ly/1hLEZlf

[Repost] 7 Sentences That Sound Crazy But Are Still Grammatical (by Arika Okrent)

7 Sentences That Sound Crazy But Are Still Grammatical

filed under: grammar, Lists
IMAGE CREDIT:
NATIONALGRAMMARDAY.COM

Martha Brockenbrough, founder of The Society for the Promotion of Good Grammar, started National Grammar Day in 2008. Since then it has been held every year on March 4th, a date that also happens to be a complete sentence (March forth!). It is celebrated in various ways: There is a haiku contest, an anagram unscrambling contest, and even an official song.

That’s all good clean fun. Some people, however, like to use the holiday as an excuse to engage in what Kory Stamper calls “vigilante peeving.” Stamper, a lexicographer at Merriam-Webster who knows from good grammar, dreads the way the holiday seems to encourage the shaming of others for their mistakes, or, as she calls it, “asshattery in the name of grammar.” (Read the whole thing. It’s worth it.)

This Grammar Day, let’s not look at grammar as a cold, harsh mistress. She can also be a fun, kooky aunt. Here are some tricks you can do to make crazy sounding sentences that are still grammatical.

1. ONE MORNING I SHOT AN ELEPHANT IN MY PAJAMAS. HOW HE GOT INTO MY PAJAMAS I’LL NEVER KNOW.

Take advantage of the fact that the same sentence can have two different structures. This famous joke from Groucho Marx assumes that most people expect the structure of the first part to be

One morning [I shot an elephant] [in my pajamas].

But another possible, and perfectly grammatical, reading is

One morning [I shot] [an elephant in my pajamas].

2. THE HORSE RACED PAST THE BARN FELL.

Make a¬†garden path sentence. In this one, we think we’ve reached the main verb when we get to “raced,” but instead we are still inside a reduced relative clause. Reduced relative clauses let us say, “the speech given this morning” instead of “the speech that was given this morning” or, in this case “the horse raced past the barn” instead of “the horse that was raced past the barn.”

3. THE COMPLEX HOUSES MARRIED AND SINGLE SOLDIERS AND THEIR FAMILIES.

Another garden path sentence, this one depends on the fact that “complex,” “houses,” and “married” can serve as different parts of speech. Here, “complex” is a noun (a housing complex) instead of an adjective, “houses” is a verb instead of a noun, and “married” is an adjective instead of the past tense of a verb.

4. THE RAT THE CAT THE DOG CHASED KILLED ATE THE MALT.

Make a sentence with¬†multiple center embeddings. We usually have no problem putting one clause inside another in English. We can take “the rat ate the malt” and stick in more information to make “the rat the cat killed ate the malt.”¬† But the more clauses we add in, the harder it gets to understand the sentence. In this case, the rat ate the malt. After that it was killed by a cat. That cat had been chased by a dog. The grammar of the sentence is fine. The style, not so good.

5. ANYONE WHO FEELS THAT IF SO MANY MORE STUDENTS WHOM WE HAVEN’T ACTUALLY ADMITTED ARE SITTING IN ON THE COURSE THAN ONES WE HAVE THAT THE ROOM HAD TO BE CHANGED, THEN PROBABLY AUDITORS WILL HAVE TO BE EXCLUDED, IS LIKELY TO AGREE THAT THE CURRICULUM NEEDS REVISION.

Another crazy center-embedded sentence. Can you figure it out? Start with “anyone who feels X is likely to agree.” Then go to “anyone who feels if X then Y is likely to agree.” Then fill out the X and Y. You might need a pencil and paper.

6. BUFFALO BUFFALO BUFFALO BUFFALO BUFFALO BUFFALO BUFFALO BUFFALO.

Buffalo! It’s a noun! It’s a city! It’s a verb (meaning “to intimidate”)! We’ve discussed thenotorious buffalo sentence before, but it never stops being fun. It plays on reduced relative clauses, different part-of-speech readings of the same word, and center embedding, all in the same sentence. Stare at it until you get the following meaning: “Bison from Buffalo, New York, who are intimidated by other bison in their community, also happen to intimidate other bison in their community.”

7. THIS EXCEEDING TRIFLING WITLING, CONSIDERING RANTING CRITICIZING CONCERNING ADOPTING FITTING WORDING BEING EXHIBITING TRANSCENDING LEARNING, WAS DISPLAYING, NOTWITHSTANDING RIDICULING, SURPASSING BOASTING SWELLING REASONING, RESPECTING CORRECTING ERRING WRITING, AND TOUCHING DETECTING DECEIVING ARGUING DURING DEBATING.

This sentence takes advantage of the versatile English ‚Äďing. The author of a 19th century grammar guide lamented the fact that one could “run to great excess” in the use of ‚Äďing participles “without violating any rule of our common grammars,” and constructed this sentence to prove it. It doesn’t seem so complicated once you realize it means,

“This very superficial grammatist, supposing empty criticism about the adoption of proper phraseology to be a show of extraordinary erudition, was displaying, in spite of ridicule, a very boastful turgid argument concerning the correction of false syntax, and about the detection of false logic in debate.”

Not only is this a great example of the wonderful crazy things you can do within the bounds of proper English, it’s the perfect response to pull out the next time someone tries to criticize your grammar.

Sources of sentences: 1. Groucho Marx; 2. Bever (1970); 3. Wikipedia; 4. Chomsky & Miller(1963); 5. Chomsky & Miller (1963); 6. William Rapaport; 7. Goold Brown (1851).

Primary image courtesy of NationalGrammarDay.com.

March 4, 2013 – 10:06am

Quote of the Day.

QOTD:

 

Translartisan
by Translartisan

Have a good weekend everyone!

Get inspired!

ūüôā

Repost: The benefits of being bilingual

The Benefits of Being Bilingual

http://www.englishschoolnyc.com/772638/2013/10/29/the-benefits-of-being-bilingual.html
[LAST UPDATED 3 MONTHS AGO]

Did you know that over half of the world’s population is bilingual? This statistic may come as less of a surprise if you consider that there are nearly 7,000 languages spoken around the world! Being bilingual offers a wealth of benefits, from better brain function to improved job prospects. If you live in a vibrant place like New York City, being bilingual can even make it easier for you to meet new people. If you are considering learning a second language as an adult, it’s important to enroll in language classes designed for adult learners and immerse yourself in the language. Once you become fluent, you can maintain and improve your language abilities by taking classes, watching movies, and conversing in your new language. To find out more about the benefits of bilingualism, check out this infographic from Bluedata International Institute, an ESL school in New York City. Please share this infographic with your friends and family who are also hoping to learn English or any other second language!

The-Benefits-of-Being-Bilingual-Infographic-01

Noisli :) quando il traduttore si crea un angolo di pace

Questa è una di quelle giornate che partono con una schedule da brivido.
Ti alzi dal letto che gi√† hai la febbre al solo pensiero di accendere il pc. Ma, c’√® sempre un ma, il lavoro chiama e con un pizzico di fortuna riuscirai ad incastrare tutti gli impegni e a rispettare le scadenze.
Bene. La mia mattinata ha preso una piega diversa giusto una mezz’ora fa. “Come?” direte voi.
Mi sono creata intorno un ambiente confortevole e rilassante; è per questo che voglio proporvi un sito che cambierà radicalmente la vostra vita.

http://www.noisli.com/

Facilissimo da usare, si presenta con una grafica semplice ma intuitiva. Ci sono varie icone che rappresentano i vari suoni riproducibili. Cliccandoli, potrete combinarli come pi√Ļ vi aggrada, creando cos√¨ un sottofondo piacevole che vi accompagni durante le ore di lavoro.
NOISLI1

pioggia, tuoni, vento, suoni del bosco, onde che si infrangono, rumori della notte 

sono solo alcune delle possibilità tra cui scegliere il proprio personalissimo sottofondo per lavorare.

noisli2
[ndt: come potete notare, il colore di sfondo dei due screenshot è differente.
Mi sono accorta solo una volta aver premuto “stamp”,¬†che ci sono vari colori tra cui anche il rosa e il corallo .
Avendo noisli di sottofondo non guardavo lo schermo e non ¬†avevo notato questa chicca, che pure aiuta il processo di rilassamento utilizzando i colori dell’umore e della vita. ]
Credo che utilizzer√≤ questa “applicazione” (per ora solo via browser) per crearmi intorno un piccolo angolo di pace.
#perlediunatraduttrice

Frozen: Sing-along (multilingual session)

Watch ‚ÄúLet It Go‚ÄĚ From Disney‚Äôs ‚ÄėFrozen‚Äô

Performed In 25 Different Languages

JAN. 22, 2014

How they managed to get the tones so similar and so lovely is pretty impressive (it almost sounds like they‚Äôre all performed by the same girl) ‚ÄĒ which one is your favorite singer?¬†TC mark

Cf. http://thoughtcatalog.com/sophie-martin/2014/01/watch-let-it-go-from-disneys-frozen-performed-in-25-different-languages/

Errori di adattamento, traduzione e doppiaggio (I)

Il post di oggi √® un po’ pi√Ļ leggero rispetto a quelli dei giorni scorsi. [ ndr: ma estremamente pi√Ļ lungo AHAHAHAHAH -.- ]
Nel titolo ho addirittura messo tra parentesi un “I” per darmi un tono. (O tirarmi un po’ su di morale…! Onestamente non ne ho idea!) ūüėÄ ūüėÄ ūüėÄ
Non so se farò altri interventi del genere, ma mi piace pensare che avrò tempo e modo di scrivere anche post divertenti e inserire altre chicche del mondo del cinema, dei telefilm o della letteratura straniera.

[NB: uno l’ho gi√† pronto, forse lo lascer√≤ nelle bozze ancora per un po’…]

Non tutti sanno che sono particolarmente fissata con la saga “Pirati dei Caraibi“. Infatti, ai tempi dell’Universit√† (*sigh* come passa il tempo…) volevo inserire la trilogia (nel frattempo mutata in tetralogia) nel comparto scientifico che avrei utilizzato per l’analisi della mia tesi di laurea triennale sugli errori di traduzione ed adattamento degli script originali nel cinema e nelle serie tv. Purtroppo, l’argomento era troppo vasto e riguardava una materia non curriculare (ndt: “traduzione audiovisiva” era una materia della specialistica e quindi non era attinente al mio piano di studi della triennale), perci√≤ la Professoressa dirott√≤ il mio diabolico piano su altro.

Savvy?
Comprendi?

Infatti, qualche anno dopo, ho “ripiegato” su una tematica diversa. {per√≤ questo ve lo racconto un’altra volta…}

Nonostante ciò, non mi sono arresa e ho continuato imperterrita a seguire le mirabolanti peripezie di Captain Jack Sparrow e di quei poveri adattatori che non hanno saputo proprio rendere giustizia alla saga.

La cosa che maggiormente mi ha perplessa e sconcertata – presumibilmente prima sconcertata e poi perplessa – √® stata la scelta dei titoli dei vari film che, fin dal primo (datato 2003), ha puntualmente lasciato intendere che NESSUNO si fosse preso il gusto di visionare la pellicola prima di fare l’adattamento.
Ma andiamo con ordine.
Ora, capisco che il genere possa non piacere a tutti e che magari Johnny Depp o Orlando Bloom non siano il prototipo del vostro uomo ideale, cos√¨ come Keira (biondina e segaligna) non lo sia della vostra “immortale amatissima”; posso anche passare sopra al fatto che, non sapendo dell’avvento del “2” e del “3” (e poi anche del “4” a cui, si vocifera, dovrebbe fare seguito un “5”), per il primo film sia stato omesso il riferimento alla serie “Pirati dei Caraibi”, MA (c’√® sempre un ‘ma’) non si pu√≤ tradurre “[Pirates of the Caribbean:] The Curse of the Black Pearl” (chiarissimo!) con un raffazzonato “La maledizione della prima luna“. Cosa c’era di difficile nel tradurre con un semplice “La maledizione della Perla Nera“? Perla Nera sapeva troppo di soap opera? Lo so, non era abbastanza EPICO. Just for the record: √® il nome della nave.
Qui, si potrebbe aprire una parentesi di una 20ina d’anni in cui riprendere concetti trattati e stratrattati sul perch√© e per come si debba scegliere di tradurre letteralmente un testo oppure cercare di mantenere il senso di ci√≤ che si intendeva nella lingua di partenza, portando il messaggio sullo stesso livello cognitivo dell’audience della lingua di arrivo con scelte linguistiche parzialmente o completamente differenti da quelle di partenza.
Io, personalmente, il film l’ho visto almeno 200 volte e di quella “prima luna” non c’√® traccia. Barbossa dice “La luce della luna ci rivela per ci√≤ che siamo in realt√†. Siamo uomini maledetti: non possiamo morire, per cui non siamo morti, ma non siamo nemmeno vivi“.¬†Eh. La ‘luna’ c’√® (e non ci piove). E la ‘prima’? Mistero!

Crozza_Kazzenger
Kazzenger!

Nel 2006, la storia si ripete. Qui un po’ mi ha pianto il cuore, lo ammetto. Il titolo originale √® struggente e al tempo stesso epico nella sua semplicit√† (once again). Il secondo capitolo della saga, infatti, si intitola “Pirates of the Caribbean: Dead man’s chest“. L’adattamento italiano non √® riuscito nuovamente a rendere giustizia all’originale. Il film da noi √® uscito con il titolo “Pirati dei Caraibi: la maledizione del forziere fantasma“.
Ovvio.
Perch√© cercare di riprendersi un minimo dal precedente scivolone? Giammai! Meglio continuare con ‘sta storia della ‘maledizione’ che ci piace assai! ūüėÄ E va bene… Dietro a quel “chest” c’√® un bellissimo gioco di parole volutamente scelto in inglese per collegare il fantomatico “uomo morto” al “forziere” (e/o al suo “petto”). Nonostante l’adattamento non mi piaccia tantissimo, devo ammettere che il senso della storyline √® mantenuto. Il forziere c’√®, non √® proprio ‘fantasma’, ma Jack Sparrow √® alla sua ricerca, perci√≤ lui non sa dove sia e questo √® grosso modo il plot del secondo film.

Una chicca estratta da questo capitolo √® un errore di adattamento (e doppiaggio). Da quando l’ho individuato, lo posto ovunque.

Errori di (traduzione e) doppiaggio:

[eng/orig. version] Hammer-head shark Pirate: Five men still alive, the rest have moved on.

[trad/doppiaggio] Pirata Squalo Martello: 15 rimasti vivi, il resto è trapassato.

La domanda sorge spontanea: se sullo schermo ci sono 5 attori pronti per essere giustiziati, un dubbio non ti viene?

No, evidentemente no. ūüėÄ

large

Devo dire che della [vera] trilogia questo √® il capitolo che mi √® piaciuto meno, forse perch√© lascia lo spettatore con moltissimi buchi temporali nella storia, molti interrogativi, qualche intuizione abbozzata a causa dei nuovi personaggi introdotti e, in pi√Ļ, non ha una vera e propria conclusione. [ndr: doveva essere un film “ponte”; un collegamento tra il primo film, di cui non ci si aspettava un cos√¨ grande successo, e il successivo, la conclusione della saga, su cui c’erano altissime aspettative. Effettivamente √® cos√¨ ‘ponte’ che quando appaiono i titoli di coda non riesci ad alzarti in piedi perch√© pensi ci sia ancora altro da vedere.]
Veniam perci√≤ al III capitolo uscito nel 2007. L’unico che EFFETTIVAMENTE non ha subito grossi sconvolgimenti a livello di adattamento. Voci che erano trapelate prima della sua uscita avevano dato, come probabili, due titoli differenti, cio√® “At World’s End” e “At Worlds End“. Non proprio lievissima la differenza tra le due opzioni. La prima si presta ad un pi√Ļ sottile gioco di parole, mentre la seconda lascia solamente intendere che il capitolo finale vede la fine dei “mondi” [ndr: quali mondi?]. La scelta √® poi ricaduta sul primo titolo, che gioca sulla fine del mondo intesa come atto finale di un’Opera, quindi una sorta di resa dei conti, ma anche come luogo ben preciso dove REALMENTE i protagonisti si recano durante il film. [WARNING: major spoiler!!!]

not the best time
Non mi pare il momento migliore! (Elizabeth Swan)

La traduzione in italiano √® abbastanza fedele ed infatti il film esce in Italia con il titolo “Pirati dei Caraibi: Ai confini del mondo” che riesce a mantenere parzialmente intatto il messaggio voluto con il titolo inglese. Potrei stare a parlare per dieci ore solo di questo film. E’ in assoluto il mio preferito. ūüôā

[*FANGIRLING TIME*]

Keep a weather eye on the horizon...
Tieni gli occhi piantati sull’orizzonte… (Will Turner)

A distanza di 4 anni (√® il 2011), esce nelle sale italiane, poi in quelle americane, “Pirates of the Caribbean: On Stranger Tides“. Il film √® liberamente tratto dall’omonimo romanzo di Tim Powers noto in Italia con il titolo “Mari stregati“. Un lettore/Uno spettatore attento a questo punto ha gi√† fatto 2+2, vero? Il titolo italiano √® quindi “Pirati dei Caraibi: Mari stregati“.

HAHAHA... NO.

Questa volta il titolo √® stato tradotto con “Pirati dei Caraibi: Oltre i confini del mare“.¬†Evidentemente, un pi√Ļ letterale “[PdC:] Verso acque straniere” o “Su maree sconosciute” avrebbe interrotto la continuit√† delle scelte linguistiche gi√† applicate alla traduzione ed utilizzare lo stesso titolo del libro avrebbe implicato l’infrazione di qualche diritto d’autore (?). Dunque, la mossa pi√Ļ appropriata √® stata – di nuovo – seguire la scia del capitolo precedente. Nasce perci√≤ un collegamento con gli ex “confini del mondo”, con l'”Aqua de vida” segnata sulla mappa, ¬†che porter√† Jack Sparrow a navigare su acque straniere, pi√Ļ lontane. Ok.¬†La domanda resta: PERCH√©?

WHY?!

Per la mia gioia – e per quella di chi come me si √® appassionato alla saga non solo per gli attori e i personaggi, ma anche per le vicende linguistiche che le gravitano attorno – √® in preparazione il V capitolo della serie, il cui titolo sar√† “Pirates of the Caribbean: Dead Men Tell No Tales“. Letteralmente possiamo tradurlo con “[PdC:] Gli uomini morti non raccontano storie” oppure, parafrasando un po’, con “[PdC:] I morti non mentono“. In verit√† “dead men tell no tales” √® un modo di dire anglosassone che significa “dead people will not betray any secrets” e che in italiano suona pi√Ļ o meno come “I morti non tradiscono alcun segreto“.
Sono veramente curiosa di vedere che cosa tireranno fuori dal loro cappello¬†gli adattatori¬†. ūüėČ L’uscita √® prevista per luglio 2015, manca solamente un annetto.

Vi lascio con un video STUPENDO in chiave ironica in cui vengono evidenziati, scena per scena, tutti gli errori in “POTC: The Curse of the Black Pearl“. Io sto ancora ridendo…

P.S.: grazie Wendy per avermi fatto capire che le .gif possono essere estremamente utili! ūüôā