[Repost] Lesson 27: Taking care of a translating brain (by Marta Stelmaszak)

Most of the time I work on shorter and easier to digest projects. I like this mode of work: it’s more dynamic, less boring and equally rewarding. I can translate for some time and spend the rest of it perfecting my work, polishing the surface and rounding up the edges. But larger projects do come in, and keep me engaged for days and days of the same text.

It just happened about 2 weeks ago. I got trapped with the same text for 7 hours a day from Monday to Friday (almost 9 to 5!), and I noticed that my brain starts to slip. It doesn’t happen that often if texts are different, or if you can be more flexible and move your activities around. But how to deal with block translating?

1. Breaks

It was very tempting for me to spend the first couple of hours translating all the time, thinking: the more I manage to translate now, the sooner I’ll finish. Not a great idea. It is much better to take a break every hour and to let your brain breathe for a while. I translated for 55 minutes, and then took a 5 minutes’ long break, closing my eyes and listening to my favourite, soul-brightening Norwegian music. Thinking about green slopes, calm fiords and white sheep… Anything but policies, regulations and penalties for infringement.

2. Water

I used to think that a quick coffee in a morning is a must to start me off. Well, one cup sounds fine. But in my own experience, problems start when you’re trying to stay awake after 2-3 hours of translating slurping yet another large black. Coffee worked against me, leaving my brain fed up and my translating self bored and dumb. Water works much better, with a slice of lemon. Keeping my body hydrated allowed me to keep my hourly turnover steady.

3. Food

I avoid large and heavy on a stomach food anyway, but you may want to try eating light while you work. I usually eat fruit and nuts to get more sugar and energy, instead of eating bread and dairy products. Oh, and… chocolate really helps.

4. Planning

For large projects, I always have a daily planned turnover and I know I have to keep up to translate according to it. Make sure that it is reasonable, and that you’re not left with too much time on your hands. At first, I estimated I’ll translate much slower and I ended up cheating: if I can do it in 5 hours, not 7, I can spend these 2 hours killing time… Wrong. I’m sure that a habit like that would impact my overall capacity and after some time I’d end up translating a half or a third of what I can do now. My best tactics: plan to translate enough to rush a bit. If you have time to check your e-mail or Facebook, that means not enough work. (By the way: checking e-mail during small breaks is a NO GO. Before you realise, you’ll end up wasting away at least half an hour).

5. Exercise

Don’t laugh at me, but I couldn’t work without that. A quick series of stand-ups, or energetic dance (to the very same Norwegian music), or a healthy stretch can do wonders with your levels of concentration. I also try to go to the gym every other day, and I find it really beneficial for my translation work.

6. Diversity

Long projects taking days are mind-bogging. I was getting mad in front of my computer, so I used crime stories and thrillers to exercise my mind. Don’t let your mind get too engrossed in one topic, or you’ll end up completely exhausted and brain dead by the end of the project.

7. Gratification

We’re all only human and we’d do everything for a treat. If you’re struggling with a project and you wish you studied accountancy or law, think of a nice motivational bonus. Sometimes little things work, and sometimes we need massive gratification. I made an official promise that if I manage to keep up with my plan till the end of June, I’m going for my great Scandinavian trip: Copenhagen, Stockholm, Helsinki, Turku, Oslo, and Bergen. Playing Norwegian music in the background reminds me of my bonus. But again, chocolate works almost equally great!

I appreciate this certain stability that long projects provide us with, but I may suffer from a sort of professional over activeness, and I can’t imagine myself translating the same texts for longer than 2 weeks. It becomes too mechanical, taking away my most favourite part. But well, no-one can be too picky nowadays.

How do you take care of your brain? How do you deal with large and heavy projects? Do you have any secrets that keep you carry on for ages?

Cf. original piece: http://wantwords.co.uk/school/lesson-27-translation-brain/

Start your day with a coffee

Around the world in 31 Coffees

 

Coffees - Around the World
Coffees – Around the World

 

There’s always a booming industry everywhere, and the booming, most latest alternative that probably Angelina Jolie, Justin Bieber and all your favorite popular stars today are doing right now is: travelling just by coffee. Coffee-hopping! Tasting all the world’s coffee in the comfort of your home! Genius. Here’s its infographic.
Okay, fine. It’s different to actually travel the world. But maybe there’s also something to boast about the fact that you haven’t travelled. Perhaps we are in the age where we understand that the marketing gimmicks no longer work, especially those about how travel changes people, makes them cultured, informs them and makes them ideal citizens. But look at the worst criminals of the world. How many really of them can you say are regular home-buddies? Not much. They’re all travellers. Maybe it’s time to reconsider travelling. Maybe there’s beauty in the awareness that this room right now, this setting, this book you have, with a lady you love, perhaps this is the limit. And there’s comfort in that.
Read more at http://www.business2community.com/infographics/around-world-31-coffees-0824819#I8llKbXEUJJ18x8z.99
Cf. original: http://www.cheapflights.co.uk/news/around-world-31-coffees/

 

Bedtime Story.

bed
bed

 

bed

I do like the way this word is spelt.
B+E+D: headBoard, mattrEss and footboarD.

#translatorsgonnatranslate
#perlediunatraduttrice

[Repost] Gli occhiali traduttore: l’incredibile invenzione made in Japan (by Marianna_Servizi Traduzione)

Cfr. originale: http://www.servizitraduzione.com/gli-occhiali-traduttore-lincredibile-invenzione-made-in-japan/

17 ott by Servizi Traduzione

Gli occhiali traduttore:

l’incredibile invenzione made in Japan¬†

 11

Potrebbe sembrare improbabile l’incredibile invenzione degli occhiali traduttore della NEC eppure la corporation giapponese conferma che sarà presto possibile ascoltare una lingua straniera e avere la traduzione direttamente riflessa negli occhi di chi li indossa.

Il TeleScouter si basa su una combinazione di software di¬†riconoscimento vocale¬†e di una domanda di traduzione automatica. Un microfono e telecamera raccolgono il discorso in lingua straniera che viene inoltrato a un piccolo computer ‚Äúindossabile‚ÄĚ e poi ad un server remoto.

Il server fornisce una¬†traduzione delle frasi¬†che viene poi inviata indietro sulla retina creando un ‚Äúeffetto di immagine residua‚ÄĚ a detta della NEC. Il testo viene visualizzato con i sottotitoli in modo da permettere a chi li indossa di continuare a vedere la persona con cui si sta parlando.

NEC lancerà il dispositivo il prossimo anno. I servizi di traduzione sono ancora in una fase iniziale, però. Quindi, in un primo momento gli occhiali saranno commercializzati come un semplice display per permettere ai tecnici di leggere manuali o altro. L’implementazione del servizio di traduzione integrale dovrebbe venire l’anno successivo.

E se tutto andrà come ipotizzato, a breve, potremmo iniziare a capire qualsiasi lingua del mondo anche senza conoscerla. Che ne dite, comprereste questi occhiali traduttore oppure pensate che sia meglio continuare a studiare le lingue e sforzarsi di capirle nel modo tradizionale?

Semiotycs: il gioco-tool by Giuliano Pascali

Qualche mese fa ho fatto un “repost” relativo alle parole simili nelle lingue europee. L’articolo era accompagnato da una serie di mappe dell’Europa in cui venivano identificate le analogie e le differenze nell’utilizzo di alcuni termini specifici nei vari Paesi presenti.
[Cfr. https://onesectranslation.wordpress.com/2014/01/17/repost-la-mappa-delle-parole-simili-nelle-lingue-deuropa/]

Qualche giorno fa, invece, ho trovato un’email nella posta elettronica che richiedeva la mia attenzione. Il mittente era Giuliano Pascali. Informatico ed appassionato di lingue e materie umanistiche, mi ha informato di aver sviluppato un “gioco-tool” utilizzando proprio quelle mappe e, in cerca di un po’ di visibilit√†, mi ha domandato se fossi interessata a divulgare il suo progetto.

Cos√¨… eccolo qua! ūüôā

http://www.semiotycs.com

Cliccando sul link vi ritroverete direttamente alla mappa delle parole.

Di seguito vi lascio la presentazione scritta da Giuliano.

Buona lettura!

La mappa delle parola in Europa
(semiotica comparata)

Somiglianze e diversità delle lingue.

Ecco un sito che ci permette di indagare su come si dice una parola nelle principali lingue europee.
Scegli una parola e clicca¬†traduci, in pochi istanti avrai la traduzione sulla mappa in pi√Ļ di dieci lingue.
E’ un gioco divertente che ci permette di indagare sulla diversit√†, la somiglianza e provenienza dei termini scelti. Alcune parole hanno una radice universale, e una traduzione molto simile. Altre invece sono completamente differenti a seconda del¬†ceppo di appartenenza.
Sito delle lingue nella mappa

semi

Il ceppo latino, francia, italia, spagna. Il ceppo slavo del centro est europa, il ceppo scandinavo e quello anglosassone della zona anglotedesca. Fantastico il caso della parola ananas che ha un tipo praticamente universale, fatta eccezzione per le due grandi storiche potenze coloniali, che curiosamente hanno un suono diverso da tutti le altre nazioni, ma simile tra loro. Che sia solo un caso ?
E’ bello osservare le contaminazioni, avvenute nella lingua per vicinanza geografica francia spagna italia, ragioni storiche e circostanze commerciali militari e marittime. L’inghilterra trova vicinanza linguistiche con i paesi del mare del nord, con la norvegia, mentre la finlandia risente notevolmente della presenza russa. La polonia pur geograficamente dislocata, rientra tra le lingue slave e ha suoni molto prossimi ai balcani. La romania invece che rimane in quella zona, ha un impronta latina e i suoi termini spesso risuonano come quelli dei¬†paesi mediterranei.

ananas

La germania che a volte divide suoni con gli¬†anglosassoni¬†della gran bretagna, influenza la zona dell’olanda a sua volta della svezia. Le tre repubbliche¬†baltiche¬†denotano una forte identit√† anche linguistica, mentre il portogallo a volte svela tutto il suo legame con la spagna, fino al cinquecento erano un unica nazione, d’altro canto sorprende con suoni nuovi e bellissimi che raccontato la sua storia di grande potenza del mare, alternativa (anche come terre di interesse) a spagna e inghilterra. La turchia ponte tra l’europa l’oriente, porta con se un timbro linguistico del mondo arabo oltreuropeo. L’islanda senza dubbio terra di mare e del nord, mantiene non solo geograficamente la sua unicit√†. E che dire dell’italia ? Centro della lingua di origine latina, al centro del mediterraneo, con influenze arabe francesi spagnole normanne. Le lingue: affascinante dinamico contenitore della nostra esperienza e della nostra vita raccontano in maniera incantevole, segreti misteriosi o lampanti che nel corso dei secoli hanno raccolto e compreso.

Buon divertimento, buona esplorazione. Il gioco traduce in tutte le lingue ma anche da tutte le lingue, quindi se avete amici estoni francesi o polacchi beh ..buon divertimento anche a loro!

Vai a Semiotycs, il gioco delle lingue sulla mappa
Il gioco è ispirato a una serie di mappe etimologiche comparse su alcuni siti, segnaliamo http://www.linkiesta.it.

Giuliano Pascali

Treccani: Italianismi in inglese: una storia infinita?

ITALIANISMI IN INGLESE: UNA STORIA INFINITA?

di Giovanni Iamartino*

Stupore e pregiudizio

‚ÄúInglese italianato, diavolo incarnato!‚ÄĚ: ai molti insofferenti per la presenza, a proposito e a sproposito, di parole inglesi nell‚Äôitaliano di oggi, forse non dispiacer√† sapere che questo proverbio circolava tra i sudditi della regina Elisabetta Tudor ‚Äď siamo nel secondo Cinquecento ‚Äď per biasimare quei compatrioti che, non solo studiavano e facevano sfoggio della propria conoscenza della lingua italiana, ma si atteggiavano a imitatori del modello italiano nel comportamento e nella moda, nella letteratura e nella pittura, nelle pratiche commerciali e nell‚Äôarte di maneggiare la spada.
Si può quindi dire che, in un certo senso, questo proverbio riassuma in sé l’atteggiamento mentale che, non solo a quel tempo ma da allora in poi, ha caratterizzato il modo anglosassone di guardare all’Italia e alle cose italiane: ammirazione e disprezzo, accettazione e rifiuto, stupore e pregiudizio al tempo stesso.
Di tutto questo si trova ampia traccia ripercorrendo la storia dei rapporti anglo-italiani, che √® fatta di commerci, di libri, di viaggi e ‚Äď come non potrebbe essere diversamente? ‚Äď di parole. In quanto segue sfoglieremo insieme le pagine di un ideale dizionario di parole italiane che, nel corso dei secoli, sono entrate nella lingua inglese, arricchendone il lessico e le possibilit√† espressive. Il peso di questo dizionario non riuscir√† forse a raddrizzare quella bilancia che, sull‚Äôaltro piatto, ha il gran numero di anglicismi in italiano; tuttavia, ci renderemo conto di non essere solo debitori e che, in ogni contatto tra lingue diverse (cos√¨ come tra gli esseri umani) il dare si accompagna sempre al prendere, e viceversa.

Commerci in Lombard Street

Dare e prendere parole, dunque: un traffico, un commercio, che √® una metafora appropriata, visto che i primissimi prestiti lessicali italiani nella lingua inglese sono d‚Äôambito economico e finanziario: innanzitutto,¬†LOMBARD¬†oLOMBART, che viene usato nel Trecento in inglese con il generico significato di ‚Äėcommerciante‚Äô (e ancora oggi c‚Äô√® a Londra una Lombard Street); ma poi anche¬†DUCAT, con riferimento a quel primo¬†ducato¬†d‚Äôoro voluto nel 1284 dal doge veneziano Giovanni Dandolo, moneta tanto nota e pregiata che il massimo poeta dell‚ÄôInghilterra medievale, Geoffrey Chaucer, pu√≤ magnificare la Casa della Fama del suo omonimo poema affermando che essa √® tutta rivestita d‚Äôoro ‚ÄúAs fyn as ducat in Venyse‚ÄĚ. E sempre Chaucer, funzionario di corte prima che eccelso poeta, trova nelle sue missioni commerciali e diplomatiche in Italia l‚Äôoccasione per leggere le opere di Dante, Petrarca e Boccaccio e per proporre nelle proprie composizioni poetiche degli italianismi, come ad esempio ‚ÄúPOEPLISSH¬†appetit‚ÄĚ che riproduce ‚Äúappetito popolesco‚ÄĚ dal¬†Filostrato¬†di Boccaccio. Se questo prestito non sopravvive in inglese, resteranno altri termini economici e commerciali, che vi entrano in quest‚Äôepoca dall‚Äôitaliano anche se vengono attestati pi√Ļ tardi, e spesso attraverso la mediazione del francese: √® il caso di¬†BANK,¬†BANKRUPT,¬†CASH, e¬†RISK¬†che risalgono, in ultima istanza, all‚Äôitaliano¬†banca¬†o¬†banco,¬†bancarotta,¬†cassa¬†e¬†rischio.

Un Rinascimento da restare di stucco 

Come si diceva all‚Äôinizio, la situazione muta radicalmente ‚Äď per quantit√† e qualit√† degli italianismi in inglese ‚Äď passando dal medioevo all‚Äôepoca moderna quando, nella seconda met√† del Cinquecento, il Rinascimento italiano raggiunge l‚ÄôInghilterra. Attraverso lo studio della lingua italiana i gentiluomini e i cortigiani inglesi intendono accostare una civilt√† superiore e realizzare l‚Äôideale di perfezione dell‚Äôuomo rinascimentale, cosicch√© l‚Äôinflusso linguistico √® strettamente connesso a quello letterario e culturale, ed √® facile esemplificare la presenza in inglese di italianismi negli ambiti dove l‚ÄôItalia rinascimentale costituisce modello di eccellenza:

  • dal campo delle arti figurative e dell‚Äôarchitettura,¬†GESSO,¬†STUCCO,¬†CUPOLA,¬†DUOMO,¬†BELVEDERE¬†e¬†PIAZZA;
  • dal campo della poesia, del canto e della musica,¬†CANTO,¬†MADRIGAL,¬†SONETTO,¬†STANZA,¬†DUO¬†e¬†VIOLIN;
  • dal mondo dell‚Äôattivit√† militare e delle fortificazioni,¬†IMBOSCATA¬†e¬†TO¬†IMBOSK,¬†ARSENAL¬†e¬†RIPARE;
  • dalle scienze della matematica e della geometria,¬†ALGEBRA,¬†SQUADRANT¬†e¬†SQUADRATURE;
  • dall‚Äôambito del commercio e della finanza,¬†BAZAAR,¬†TO SALD¬†(da¬†saldare),¬†TARIFF¬†e¬†TO INVEST.

Insomma, viene da dire che questi tecnicismi sono il lontano contraltare degli anglicismi dell‚Äôinformatica e della finanza di cui oggi si riempiono la bocca molti dei nostri manager: costoro, forse, sarebbero un po‚Äô pi√Ļ discreti e attenti all‚Äôuso della lingua italiana se sapessero che¬†MANAGER¬†√® derivato da¬†MANAGE, che √® poi l‚Äôitaliano cinquecentesco¬†maneggio¬†e¬†maneggiare, cio√® trattare e ammaestrare i cavalli! E poi, a differenza della situazione odierna, sono presenti e importanti nell‚Äôinglese rinascimentale molti italianismi che riflettono l‚Äôarticolarsi dei rapporti sociali e le realt√† personali, e dunque sono segno di un influsso culturale pi√Ļ sottile e profondo: troviamo cos√¨ parole che alludono alle gerarchie sociali (MAGNIFICO;¬†MADONNA), a comportamenti positivi o pi√Ļ spesso negativi (BANDIT;¬†BRAVO;¬†BORDELLO), a caratteristiche psicologiche o comportamentali (PEDANTE), a sentimenti ed emozioni personali (INAMORATO;¬†DISTASTE, calco da¬†disgusto), all‚Äôaspetto e alla condizione fisica dell‚Äôuomo (MUSTACHIO, da¬†mostaccio, ‚Äėbaffo‚Äô;¬†LAZARETTO). Non mancano poi richiami all‚Äôambito della moda (MILLINER, da¬†Milano / milanese, a indicare un venditore di articoli d‚Äôabbigliamento di provenienza milanese), del cibo e della cucina (ARTICHOKE, da¬†articiocco, ‚Äėcarciofo‚Äô;¬†MACARONI, da¬†maccaroni / maccheroni) e, infine, del mondo naturale (ARCHIPELAGO, da¬†arcipelago;¬†TARANTULA).

La forza d’inerzia nel Seicento

Sebbene la varietà di questi (e molti altri) esempi documentino l’ampiezza dell’influsso italiano a cavallo tra XVI e XVII secolo, proprio in questi anni inizia a manifestarsi un desiderio di emancipazione da tale modello, anche per il coevo rafforzamento dell’identità politico-culturale dell’Inghilterra. Altri motivi, poi, portano il mondo inglese a voltare le spalle all’Italia: Carlo I Stuart (1625-1649) sposa una principessa francese, stringendo dei contatti dinastici e personali che si sarebbero rafforzati durante gli anni dell’esilio francese di Carlo II sino a fare della Francia, dalla Restaurazione degli Stuart in poi, il nuovo modello di ogni perfezione; l’intermezzo puritano del Commonwealth (1649-1660) non poteva certo guardare con favore l’Italia, aborrito centro focale del cattolicesimo e culla dell’immorale machiavellismo; infine, l’Italia del Seicento sperimenta un’oggettiva decadenza politica, sociale e culturale.
In tali condizioni sociopolitiche, lo studio della lingua italiana pu√≤ sopravvivere solo in due casi: o come fatto isolato ed eccezionale, ed √® quello del poeta John Milton; o se ne viene ridimensionata l‚Äôimportanza culturale, come dimostra il fatto che l‚Äôitaliano non √® pi√Ļ la lingua dei cortigiani, ma diventa quella dei mercanti, o meglio di quei mercanti che, commerciando con il Vicino e il Medio Oriente, utilizzavano l‚Äôitaliano come lingua franca per i propri traffici.
Pertanto, √® a prima vista sorprendente che, nel corso del Seicento, entrino in inglese non pochi prestiti italiani; rispetto al Cinquecento, in alcuni ambiti ‚Äď ad esempio la botanica e le scienze naturali, la matematica e la geometria, le fortificazioni ‚Äď l‚Äôintroduzione di italianismi diminuisce un poco, ma in altri si mantiene e in taluni casi addirittura aumenta:

  • non si interrompe il flusso di prestiti relativi alle armi:¬†PISTOLETTO,¬†STILETTO,¬†CAPITANO;
  • si ritrovano parole che definiscono comportamenti e atteggiamenti:¬†AMOROSO,¬†BECCO,¬†CANAGLIA,¬†CAPRICCIO,ESTRO,¬†FURIOSO,¬†GENIO,¬†INCOGNITO,¬†RUFFIANO,¬†VOLPONE; non mancano interiezioni quali¬†CATSO!¬†(dacazzo) o¬†CRIMINE!;
  • dal mondo naturale:¬†BERGAMOT,¬†GRANITO,¬†GROTTO,¬†LIBECCIO,¬†SCIROCCO¬†e¬†VOLCANO;
  • pi√Ļ numerosi di quelli cinquecenteschi sono i termini tecnici relativi all‚Äôarchitettura e alle arti figurative, anche per l‚Äôinflusso di Inigo Jones (1573-1652) e di altri architetti inglesi che si ispirano al Palladio:¬†GUGLIO,¬†OVOLO,PILASTREL,¬†ANTICAMERA,¬†BALCONY,¬†CAMPANILE,¬†PALAZZO,¬†PORTICO,¬†STANZA,¬†VILLA;¬†BUSTO,CHIAROSCURO,¬†INTAGLIO,¬†MEZZOTINT,¬†MINIATURE,¬†MORBIDEZZA,¬†PIETA‚Äô,¬†PROFILE,¬†PUTTO,¬†SCHIZZO;
  • rispetto al Cinquecento, pi√Ļ scarsi i prestiti d‚Äôambito letterario, pi√Ļ numerosi quelli musicali:¬†BURRATINE¬†(daburattino),¬†ENTRATA,¬†LITERATI¬†e¬†LETTERATO,¬†PUNCHINELLO,¬†ROMANZA,¬†ROMANZO;¬†ALLEGRO,¬†BARITONE,CANTO,¬†CAPRICCIO,¬†LARGO,¬†PIANO,¬†PRESTO,¬†RECITATIVE,¬†RITORNELLO,¬†SONATA,¬†TRILL,¬†VIOLINIST,VIVACE;
  • in aumento pure i prestiti relativi al commercio e alla finanza:¬†CAMBIO,¬†TO DISCOUNT¬†(da¬†discontare, scontare),ENTRATE,¬†MONTE DI PIETA‚Äô,¬†PREMIO¬†(cio√® ‚Äėpremio di assicurazione‚Äô),¬†LIRA,¬†PAOLO,¬†SCUDO;
  • pi√Ļ ricca di prestiti dall‚Äôitaliano √® anche la tavola seicentesca dove, per bevande e cibi, troviamo nomi di vini qualiGRECO,¬†LIATICO, oltre a¬†BRENDICE¬†(da¬†brindesi,¬†brindisi), e nomi di cibi o piatti quali¬†BROCCOLI,¬†FRITTADO¬†(dafrittata),¬†MORTADELLA,¬†PASTA,¬†POLENTA,¬†VERMICELLI;
  • pure in aumento, infine, sono i prestiti relativi alla politica e alle controversie religiose:¬†BULLETIN,¬†CONSULTO,GIUNTA,¬†INTRIGO,¬†MANIFESTO,¬†PAPESS,¬†QUIETISM¬†e¬†QUIETIST,¬†RISGO(E)¬†(da¬†risigo¬†o¬†risico, ‚Äėrischio‚Äô),SBIRRO,¬†SCALDABANCO¬†(‚Äėpredicatore focoso‚Äô),¬†SPIRITATO¬†(‚Äėmosso da eccessivo zelo religioso‚Äô).

Molti di questi italianismi sono oggi arcaici od obsoleti, ma conta il peso della loro incidenza nel periodo considerato; se √® poi vero che nel corso del Seicento gli inglesi vedono nella Francia e non pi√Ļ nell‚ÄôItalia un modello culturale degno d‚Äôessere imitato, √® altrettanto vero che la lingua francese fa in questo secolo da tramite per l‚Äôintroduzione in inglese di prestiti italiani: ad esempio,¬†TO ATTACK,¬†BAGATELLE,¬†BARRACK,¬†CARTOON,¬†CHARLATAN,¬†GAZETTE,MUSKETOON,¬†RISK,¬†SPINET,¬†VALISE¬†e¬†VEDETTE; infine, l‚Äôaccoglimento seicentesco di italianismi, nonostante il superamento e per certi versi il rifiuto inglese dell‚Äôesperienza rinascimentale, ci dimostra che la corrente dell‚Äôinflusso italiano avanza ancora per forza d‚Äôinerzia nonostante le nuove scelte politiche e culturali operate in Inghilterra.

Dal concerto grosso alla zampogna

Questa corrente si esaurisce definitivamente nel Settecento, quando gli inglesi sono ormai consapevoli di avere acquisito una sicura indipendenza culturale dai modelli stranieri, sia quello italiano sia quello francese. Tale indipendenza si traduce, nei confronti del mondo italiano, in atteggiamenti via via diversi: a un iniziale, totale rifiuto, come se gli inglesi si vergognassero di avere un tempo preso l‚ÄôItalia a modello, segue una maggiore attenzione perch√© si cerca ‚Äď come fanno i viaggiatori inglesi del¬†Grand Tour¬†‚Äď di vedere nelle rovine del presente le vestigia di un passato glorioso; infine, si sviluppa un rinnovato, seppure limitato apprezzamento, per l‚Äôopera in musica italiana e per il pittoresco dei paesaggi di artisti italiani quali Salvator Rosa. Musica e arte, dunque, molto meno lingua e letteratura; non sorprender√† pertanto il fatto che nel Settecento l‚Äôinglese accoglie un numero di italianismi nettamente inferiore rispetto ai secoli precedenti:

  • sono, ovviamente, in controtendenza ‚Äď soprattutto nella prima met√† del secolo ‚Äď i termini relativi alla musica e al canto:¬†ADAGIO,¬†ALLEGRETTO,¬†ANDANTE,¬†ARIA,¬†BALLATA,¬†CASTRATO,¬†CONCERTO GROSSO,CONTRAPUNTIST,¬†CRESCENDO,¬†DUET,¬†FAGOTTO,¬†FALSETTO,¬†FANTASIA,¬†FORTE,¬†FORTE-PIANO,FORTISSIMO,¬†LIBRETTO,¬†MEZZO-SOPRANO,¬†OPERETTA,¬†PIANISSIMO,¬†PRIMA DONNA,¬†SERENATA,SINFONIA,¬†SOLFEGGIO,¬†SOPRANO,¬†STACCATO,¬†TENORE,¬†TERZETTO,¬†TOCCATA,¬†TUTTI,¬†VIOLA,VIOLONCELLO,¬†ZAMPOGNA¬†e¬†ZUFOLO;
  • resistono i prestiti relativi all‚Äôarchitettura e alle arti figurative:¬†LOGGIA,¬†TERRENO¬†(da¬†(pian)terreno),¬†TONDINO,STACCATURE¬†(da¬†stuccatura);¬†ALFRESCO,¬†BAMBINO,¬†CINQUECENTO,¬†CONTORNO,¬†GUAZZO,¬†TO IMPASTE,IMPASTO,¬†PASTICCIO,¬†PORTFOLIO,¬†RITRATTO,¬†SMALTO¬†e¬†TORSO;
  • si ritrovano alcuni prestiti che definiscono atteggiamenti o comportamenti personali e sociali, quali¬†BRIO,CICISBEO,¬†CONVERSAZIONE,¬†CON AMORE,¬†IMBROGLIO,¬†LAZZARONE,¬†SOTTO VOCE¬†e¬†VILLEGGIATURA;
  • dagli ambiti della geologia e della zoologia provengono¬†BRECCIA,¬†LAVA,¬†SOLFATARA,¬†TERRA SIENNA¬†(da¬†terra di Siena),¬†TUFA¬†(da¬†tufa,¬†tufo), e¬†VULCANIC;
  • come in ogni epoca non mancano prestiti riferiti a cibi e bevande:¬†FINOCHIO¬†(da¬†finocchio),¬†MARASCHINO,MINESTRA,¬†SEMOLINA¬†(da¬†semolino) e¬†STAFATA¬†(da¬†stufato).

In relazione al secolo diciottesimo, dunque, i dati linguistici a nostra disposizione confermano i dati storico-culturali: i prestiti lessicali dall‚Äôitaliano non servono pi√Ļ a ridurre lo svantaggio linguistico e culturale dell‚ÄôInghilterra rispetto alle altre principali nazioni dell‚ÄôEuropa continentale; essi dimostrano piuttosto la capacit√† britannica di accogliere particolari, e universalmente condivisi, stimoli culturali (come nel caso del terminologia musicale e operistica) o fanno parte del normale ed equilibrato interscambio tra diverse comunit√†.

L’Ottocento in accelerando

E nell‚ÄôOttocento? Ugo Foscolo, rifugiatosi a Londra, scrive a proposito dell‚Äôitaliano in Inghilterra che ‚ÄúMoltissimi lo studiano, pochi lo imparano, tutti affettano o presumono di saperlo; ma i librai assicurano che appena d‚Äôun libro italiano, anche classico, si vendono cinquanta copie in tre anni; e di un libro inglese, di qualche nome, se ne vendono cinque e spesso seimila copie in due o tre settimane‚ÄĚ. L‚Äôinteresse per la letteratura italiana √® cosa elitaria, dei poeti romantici e vittoriani, e non pu√≤ portare a un reale influsso interlinguistico; pi√Ļ superficiale ma per questo ‚Äď paradossalmente ‚Äď pi√Ļ efficace l‚Äôinteresse degli inglesi che si appassionano all‚Äôitaliano per accostare i testi operistici, o per orientarsi almeno un poco durante i viaggi e i soggiorni in Italia che tornano a essere frequenti dopo il crollo dell‚Äôimpero napoleonico. Sta di fatto che gli italianismi accolti dalla lingua inglese nell‚ÄôOttocento sono moltissimi:

  • addirittura aumentano, rispetto al Settecento, i prestiti relativi alla musica e al canto:¬†ACCELERANDO,¬†AGITATO,¬†A CAPPELLA,¬†ANDANTINO,¬†BASSET-HORN¬†(a rendere¬†corno di bassetto),¬†BATTUTA,¬†BEL CANTO,¬†CADENZA,CANTATRICE,¬†CAVATINA,¬†CEMBALO,¬†CONCERTINO,CORNETTO,¬†CORNO,¬†DIVA,¬†DUETTINO,¬†FLAUTIST,FLAUTATO,¬†FUGATO,¬†FURIOSO,¬†LAMENTOSO,¬†LEGATO,¬†MARCATO, MARTELLATO,¬†MOSSO,¬†MUSICO,¬†OBOE D‚ÄôAMORE,¬†OBOE DA CACCIA,¬†OCARINA,¬†ORGANETTO,¬†PIANIST,¬†PIZZICATO,¬†RALLENTANDO,¬†ROMANZA,SCHERZO,¬†SESTET,¬†SFORZANDO,¬†SFORZATO,¬†SMORZANDO,¬†SMORZATO,¬†VIBRATO,¬†VIOLA DA BRACCIO,VILLOTTA;
  • ancora numerosi i prestiti d‚Äôambito artistico e architettonico:¬†ABBOZZO,¬†AMORINO,¬†BAROCCO,¬†CORTILE,GRADINO,¬†GRAFFITO,¬†INTARSIA,¬†INTONACO,¬†LUNETTA,¬†MANDORLA,¬†REPLICA,¬†SCENARIO,¬†SCUOLA,SEICENTISMO,¬†SEICENTIST,¬†SFUMATO,¬†STUDIO,¬†TEMPERA,¬†TEMPIETTO,¬†TENEBROSO,¬†TERRIBILITA‚Äô,TONDO,¬†TRECENTO;
  • in aumento quelli relativi a cibi e bevande:¬†AGRODOLCE,¬†CANNELLONI,¬†GNOCCHI,¬†GRISSINO,¬†LASAGNE,MARASCA,¬†RAVIOLI,¬†RICOTTA,¬†RISOTTO,¬†SALAMI,¬†SEMOLA,¬†SEMOLETTA,¬†SPAGHETTI,¬†STRACCHINO,TAGLIATELLE,¬†ZABAGLIONE,¬†ZUCCA;¬†ALEATICO,¬†CHIANTI,¬†GRAPPA,¬†GRIGNOLINO,¬†MALVASIA,¬†ROSOLIO,VERNACCIA;
  • descrivono la realt√† geofisica e naturale dell‚ÄôItalia¬†BECCACCIA,¬†BOCCA¬†(di vulcano),¬†BORA,¬†FATA MORGANA,FIUMARA,¬†LAPILLO,¬†MACIGNO,¬†MAREMMA,¬†OVER-MOUNTS¬†(da¬†oltramonti),¬†RIVA,¬†TERRA ROSSA,VOLCANELLO;
  • descrivono azioni, condizioni o atteggiamenti umani¬†JETTATURA,¬†MAESTRIA,¬†MATTOID,¬†REFASHIONMENT(modellato su¬†rifacimento),¬†SIMPATICO,¬†VENDETTA;
  • fanno riferimento alla situazione politica, sociale o religiosa dell‚ÄôItalia ottocentesca¬†BERSAGLIERE,¬†CARABINIERE,CARBONARI,¬†IMBROGLIO,¬†IRRENDENTIST,¬†MAFIA¬†e¬†MAFIOSO,¬†MUNICIPIO,¬†QUIRINAL,¬†RISORGIMENTO,SANFEDIST,¬†SINDACO,¬†TRIPLICE;¬†ABBATE,¬†CAPPA,¬†MANTELLETTA,¬†TRIDUO,¬†ZUCCHETTO;
  • e non mancano, infine, alcuni prestiti relativi ad ambiti minori quali la poesia (STORNELLO,¬†TERZINA), la festa (CONFETTI,¬†DOLCE FAR NIENTE), gli oggetti d‚Äôuso quotidiano (CREDENZA,¬†FIASCO,¬†PADELLA), le persone (COMMENDATORE,¬†CONTESSA,¬†DONZELLA,¬†RAGAZZO).

Molti italianismi, dunque, e riconducibili a parecchi ambiti diversi: non certo la letteratura, che non √® pi√Ļ il canale privilegiato per la trasmissione di prestiti italiani in inglese, ma ancora una presenza sostanziosa e significativa di italianismi nei consueti ambiti della musica, del canto, dell‚Äôarte e dell‚Äôarchitettura, dei cibi e delle bevande; non √® pi√Ļ, invece, degno di nota l‚Äôaccoglimento di prestiti relativi ai commerci e alla finanza. I molti prestiti descrivono realt√† caratteristiche del mondo italiano, relative sia all‚Äôambiente naturale sia alle istituzioni sociopolitiche, e sembrano essere introdotti in inglese per convogliarvi un certo ‚Äėcolore locale‚Äô italiano, il pi√Ļ delle volte legato a una visione stereotipata e semplificata della realt√† italiana.

Un’abbuffata di mozzarella cheese

Passando dall’Ottocento al secolo appena concluso, è innanzitutto evidente che la dinamica dei rapporti anglo-italiani è condizionata dal moltiplicarsi delle occasioni e delle modalità di contatto: i commerci e le relazioni internazionali, i viaggi di piacere e i flussi migratori, i mezzi di trasporto e quelli di comunicazione di massa favoriscono indubbiamente gli scambi linguistici, letterari e culturali; va però valutato caso per caso se tali contatti si possono tradurre in reali opportunità d’influsso interlinguistico. Così, sebbene l’italiano degli emigranti e quello insegnato nelle scuole dei paesi anglofoni abbiano costituito, nel corso del Novecento, un’occasione di contatto interlinguistico per centinaia di migliaia di parlanti, è legittimo ritenere che un effettivo influsso dell’italiano sull’inglese britannico e americano del XX secolo si sia esercitato soprattutto per altre vie, come dimostra la seguente elencazione di italianismi:

  • musica, canto e ballo:¬†CODA,¬†LAMENTO,¬†SINFONIA CONCERTANTE,¬†SINFONIETTA,¬†SOPRANINO,¬†SPINTO,STAGIONE¬†(spesso¬†STAGIONE LIRICA),¬†STILE ANTICO,¬†STILE CONCITATO;
  • arte e architettura:¬†BOTTEGA,¬†BOZZETTO,¬†FUTURISM,¬†GIOCONDA,¬†MODELLO,¬†PALIOTTO,¬†PENTIMENTO,RICORDO,¬†SEICENTO,¬†SETTECENTO,¬†STUDIOLO,¬†VEDUTA,¬†VEDUTISTA,¬†VERISMO;¬†PIANO NOBILE,¬†SALONE,SALOTTO,¬†SOTTOPORTICO,¬†TRAVATED¬†(da¬†travata),¬†TRULLO;
  • realt√† geofisica e naturale:¬†MAESTRALE,¬†PONENTE¬†(o¬†PONENTE WIND),¬†SALITA,¬†SPINONE;
  • terminologia tecnico-scientifica:¬†CHROMOCENTRE¬†(da¬†cromocentro),¬†EQUICONTINUOUS¬†(da¬†egualmente continuo),¬†FANGO¬†e¬†FANGOTHERAPY,¬†FAVISM,¬†GIORGI¬†(o¬†GIORGI SYSTEM),¬†HOLOGENESIS,¬†ISOTACTIC,OLIGOPOD,¬†ORTICANT,¬†RICCI¬†(o¬†RICCI TENSOR),¬†ROSASITE,¬†SECCHI¬†(o¬†SECCHI‚ÄôS DISC),¬†UREOTELIC, YOTTA(dal prefisso¬†y-¬†anteposto all‚Äôital.¬†otto, col significato di ‚Äė10/24‚Äô);
  • terminologia tecnico-industriale:¬†FERRO-CEMENT,¬†IMPASTO,¬†PUNTA,¬†TERITAL,¬†TERRAZZO;
  • religione:¬†AGGIORNAMENTO,¬†PAPABILE,¬†QUARESIMAL,¬†ROMANITA‚Äô;
  • economia e politica:¬†BABY PENSIONS¬†(calco di¬†pensioni baby),¬†BLACK JOB¬†(calco di¬†lavoro nero),¬†BLACKSHIRT(calco di¬†camicia nera),¬†BOSSISMO,¬†DESISTENZA,¬†(IL)¬†DUCE,¬†EUROTAX¬†o¬†TAX FOR EUROPE¬†(da¬†Eurotassa),FASCI,¬†FASCISM,¬†GIOVANI IMPRENDITORI,¬†GOVERNISSIMO,¬†GOVERNTMENT OF NATIONAL UNIT,GREENSHIRTS¬†(calco di¬†CAMICIE VERDI),¬†HISTORIC COMPROMISE¬†(da¬†compromesso storico),LOTTIZZAZIONE,¬†MANI PULITE/SPORCHE¬†¬†o i calchi¬†CLEAN/DIRTY HANDS,¬†NORD-NAZIONE,¬†PADANIA¬†ePADANIANS,¬†PADRONI,¬†PARTITOCRAZIA,¬†POTERI FORTI,¬†RED BRIGADES¬†(da¬†Brigate Rosse),¬†SACRO EGOISMO,¬†SALOTTO BUONO,¬†SCALA MOBILE,¬†SQUADRA,¬†SQUADRIST,¬†TANGENTI,¬†TANGENTOPOLI¬†o i calchiBRIBE CITY,¬†BRIBESVILLE¬†e¬†KICKBACK CITY,¬†TRASFORMISMO, WHITE SEMESTER¬†(da¬†semestre bianco),UOMO DELLA PROVVIDENZA;
  • societ√†:¬†AGRITURISMO,¬†ANIMALISTA,¬†ANTI-MAFIA,¬†BIENNALE,¬†CAPO¬†(o¬†CAPO MAFIOSO),¬†CAPO DEI CAPI¬†o il calco¬†BOSS OF BOSSES,¬†CADAVERI ECCELLENTI,¬†CLOSED HOUSES¬†(da¬†case chiuse),¬†COSA NOSTRA¬†o¬†OUR THING,¬†CRAVATTARI,¬†DOLCE VITA,¬†DON,¬†FERRAGOSTO,¬†GOOMBAH¬†(corruzione gergale di¬†compare¬†che assume il significato di ‚Äėmafioso‚Äô),¬†MAFIAIST¬†e¬†MAFIAISM¬†(costruiti sull‚Äôital.¬†mafia)e i composti¬†MAFIA-BUSTING,¬†MAFIA-FIGHTERS,¬†MAFIA-LINKED,¬†MAFIA-RIDDEN¬†e¬†MAFIA-STYLE,¬†MAXI TRIAL¬†(da¬†maxi processo),¬†MEN OF HONOUR¬†(da¬†uomini d‚Äôonore),¬†OMERTA‚Äô,¬†PAPARAZZO,¬†PASSEGGIATA,¬†PASTICCERIA,¬†PENSIONE,¬†PIZZERIA,PRINCIPE,¬†REPENTED¬†(da¬†(mafioso) pentito),¬†RISTORANTE,¬†SACRA CORONA UNITA,¬†SCUGNIZZO,SETTIMANALI ROSA,¬†SOVRINTENDENZA,¬†TIFOSI,¬†TOMBAROLO,¬†VENTETTIST;
  • ruoli, comportamenti e atteggiamenti individuali e sociali:¬†BIMBO,¬†FURORE,¬†JETTATORE,¬†MAMMISMO,¬†NOIA,NUMERO UNO,¬†VITA NUOVA,¬†VITELLONI;
  • cibi e bevande:¬†ABBACCHIO,¬†AGNOLOTTI,¬†AL DENTE,¬†ANTIPASTO,¬†ARAGULA¬†(nome dialettale per¬†RUCOLA),BEL PAESE,¬†BRUSCHETTA,¬†CACIUCCO,¬†CALABRESE,¬†CALAMARI,¬†CALZONE,¬†CANNOLI,¬†CAPRETTO,¬†CARBONE DOLCE,¬†CARPACCIO,¬†CASSATA,¬†CIABATTA,¬†CORNETTO,¬†COSTATA ALLA FIORENTINA,¬†CROSTINI,FETTUCCINE,¬†FRITTATA,¬†FRITTO DI MARE¬†o¬†FRITTO MISTO,¬†FRITTURA,¬†FUSILLI,¬†GUANCIALE,¬†LINGUINE,MACEDONIA DI FRUTTA,¬†MANICOTTI,¬†MARINARA¬†(da¬†alla marinara),¬†MASCARPONE¬†o¬†MASCHERPONE,MOZZARELLA¬†(o¬†MOZZARELLA¬†CHEESE),¬†MOZZARELLA¬†IN CARROZZA,¬†OSSO BUCO,¬†PANCETTA,¬†PANETTONE,PANFORTE,¬†PARMIGIANO,¬†PECORINO,¬†PENNE,¬†PESTO,¬†PEPPERONI¬†(o¬†PEPERONI),¬†PINZIMONIO,¬†PIZZA,PORCHETTA,¬†PROSCIUTTO¬†(o¬†PROSCIUTTO¬†HAM),¬†PROVOLONE,¬†RADICCHIO,¬†RIGATONI,¬†ROMANO¬†(oROMANO CHEESE),¬†SALTIMBOCCA,¬†SANGUINACCIO,¬†SCALLOPINI¬†(o¬†SCALOPPINE),¬†SCAMPI,¬†SCUNGILLE(dall‚Äôitaliano dialettale¬†scunciglio),¬†SPAGHETTI ALL‚ÄôAMATRICIANA¬†e¬†ALLA CARBONARA,¬†SPAGHETTINI,SPUMONI¬†(da¬†spumone),¬†STELLINE,¬†STRACCIATELLA,¬†TALEGGIO,¬†TIRAMISU,¬†TORTELLINI,¬†VITELLO TONNATO,¬†ZABAGLIONE,¬†ZEPPOLE,¬†ZITONI,¬†ZUCCHINI,¬†ZUPPA, ZUPPA INGLESE¬†e l‚ÄôespressioneMMEDITERRANEAN DIET;¬†AMARETTO,¬†BERBERA,¬†BAROLO,¬†CAPPUCCINO,¬†DOLCETTO D‚ÄôALBA,¬†ESPRESSO,FRASCATI,¬†LAMBRUSCO,¬†LUNGO¬†e¬†MACCHIATO¬†(riferiti al caff√®),¬†MOSCATO,¬†NEGRONI,¬†PROSECCO,¬†PUNT E MES,¬†RICCADONNA,¬†SAMBUCA,¬†SASSELLA,¬†SOAVE,¬†SPUMANTE,¬†STREGA,¬†VERDICCHIO,¬†VIN SANTO,¬†VINO DA TAVOLA¬†e il calco¬†DENOMINATION OF PROTECTED ORIGIN;
  • casi vari:¬†ARRIVEDERCI,¬†AUTOSTRADA,¬†AZZURRI,¬†BALLERINA¬†(o¬†BALLERINA¬†SHOE),¬†CANTINA,¬†CIAO,FATTORIA,¬†FRECCE TRICOLORI,¬†GALLERIA¬†(nel senso di ‚Äėgalleria di negozi‚Äô),¬†GROSSO MODO,¬†LIBERO¬†(tecnicismo del calcio),¬†MANCIA,¬†MEZZOGIORNO,¬†MILLE MIGLIA,¬†PICCOLO,¬†PINOCCHIO,¬†RIONE,¬†SALUMERIA,SCOPA,¬†SCUDETTO,¬†SCUOLA MEDIA,¬†SCUSI,¬†(LA) SERENISSIMA,¬†SPAGHETTI WESTERN,¬†SPREZZATURA,STRAMBOTTO,¬†SUFFIXOID¬†(da¬†suffissoide),¬†TELEFONINO,¬†VESPA.

Come si evince dall‚Äôesame di questi prestiti, la lingua inglese del XX secolo continua ad assumere dall‚Äôitaliano un buon numero di termini musicali, artistici e tecnico-scientifici, oltre a parole relative a vari campi della realt√† sociale e individuale. Meritano qualche osservazione particolare i prestiti tratti dagli ambiti dell‚Äôeconomia, della politica, della societ√† e della cucina che, sebbene non manchino nei secoli precedenti, mostrano nel Novecento caratteristiche particolari: un certo numero di parole vengono accolte in inglese perch√© servono a definire con precisione aspetti del pi√Ļ o meno recente passato italiano (come¬†DUCE,¬†FASCISM¬†o¬†LA SERENISSIMA); altri termini indicano realt√† tipicamente italiane, spesso negative (BLACK JOB,¬†COSA NOSTRA,¬†CRAVATTARI,LOTTIZZAZIONE,¬†MAMMISMO,¬†MANI PULITE,¬†TANGENTOPOLI,¬†TOMBAROLO), meno frequentemente positive o non connotate (ANIMALISTA,¬†FERRAGOSTO,¬†WHITE SEMESTER); abbondano nelle aree lessicali dell‚Äôeconomia e della politica i¬†casuals, d‚Äôuso primariamente giornalistico, legati a fatti d‚Äôimportanza solo contingente e con ben scarse probabilit√† di attestarsi definitivamente nella lingua inglese (come¬†DESISTENZA,¬†NORD-NAZIONE¬†oUOMO DELLA PROVVIDENZA); i prestiti relativi a cibi e bevande ‚Äď esportati dagli emigranti italiani, importati dai turisti e viaggiatori angloamericani o frutto della comunicazione pubblicitaria internazionale ‚Äď sembrano essere i soli a non suscitare riserve o codificare stereotipi; al contrario, con la loro ricchezza e variet√† (di alimenti, piatti e modalit√† di preparazione) indicano un campo in cui i prodotti italiani non temono rivali, come dimostra anche la grande diffusione, e spesso il declassamento a nomi comuni, di nomi commerciali quali¬†PUNT E MES,¬†RICCADONNA¬†oNEGRONI.

Novecento: una dieta stretta

Cos√¨, dall‚Äôanalisi di questi prestiti italiani nell‚Äôinglese novecentesco si pu√≤ concludere che, con l‚Äôeccezione dell‚Äôambito della ristorazione (quella raffinata praticata da cuochi italiani di grande nome tanto quanto quella pi√Ļ rustica, ma altrettanto alla moda, delle specialit√† regionali), non c‚Äô√® reale incidenza lessicale dell‚Äôitaliano nemmeno in quei settori ‚Äď il design e l‚Äôarchitettura, la moda e il ‚Äėmade in Italy‚Äô, il cinema d‚Äôautore, il turismo culturale ‚Äď in cui oggigiorno l‚ÄôItalia primeggia a livello internazionale, di certo perch√© in tali realt√† industriali la lingua d‚Äôuso √® comunque l‚Äôinglese.
L‚Äôinglese oggi √® la lingua che esprime l‚Äôideologia e la cultura dominanti (o almeno quelle con la voce pi√Ļ potente), come l‚Äôitaliano nel Rinascimento; l‚Äôinglese oggi √® la lingua della comunicazione internazionale, come l‚Äôitaliano seicentesco lingua franca nel Mediterraneo. A ciascuno di noi decidere se tale confronto storico pu√≤ essere fonte di tranquillit√† o di preoccupazione per il presente e il futuro dei rapporti linguistici, letterari e culturali anglo-italiani.

*Giovanni Iamartino, ordinario di Storia della lingua inglese presso l‚ÄôUniversit√† di Milano, si occupa da tempo della storia dei rapporti linguistici e culturali fra l‚ÄôItalia e mondo inglese. Sugli italianismi in inglese ha pubblicatoLa contrastivit√† italiano-inglese in prospettiva storica¬†(in ¬ęRassegna Italiana di Linguistica Applicata¬Ľ, vol. 33, 2001, pp. 7-130) e¬†Non solo maccheroni, mafia e mamma mia!: tracce lessicali dell‚Äôinflusso culturale italiano in Inghilterra¬†(in¬†L‚Äôinglese e le altre lingue europee. Studi sull‚Äôinterferenza linguistica, a cura di F√©lix San Vicente, CLUEB, Bologna 2002, pp. 23-49).

In Treccani: http://www.treccani.it/magazine/lingua_italiana/speciali/nazioni/iamartino.html#.Uxi-onUoHSt.twitter

Frozen: Sing-along (multilingual session)

Watch ‚ÄúLet It Go‚ÄĚ From Disney‚Äôs ‚ÄėFrozen‚Äô

Performed In 25 Different Languages

JAN. 22, 2014

How they managed to get the tones so similar and so lovely is pretty impressive (it almost sounds like they‚Äôre all performed by the same girl) ‚ÄĒ which one is your favorite singer?¬†TC mark

Cf. http://thoughtcatalog.com/sophie-martin/2014/01/watch-let-it-go-from-disneys-frozen-performed-in-25-different-languages/

Errori di adattamento, traduzione e doppiaggio (I)

Il post di oggi √® un po’ pi√Ļ leggero rispetto a quelli dei giorni scorsi. [ ndr: ma estremamente pi√Ļ lungo AHAHAHAHAH -.- ]
Nel titolo ho addirittura messo tra parentesi un “I” per darmi un tono. (O tirarmi un po’ su di morale…! Onestamente non ne ho idea!) ūüėÄ ūüėÄ ūüėÄ
Non so se farò altri interventi del genere, ma mi piace pensare che avrò tempo e modo di scrivere anche post divertenti e inserire altre chicche del mondo del cinema, dei telefilm o della letteratura straniera.

[NB: uno l’ho gi√† pronto, forse lo lascer√≤ nelle bozze ancora per un po’…]

Non tutti sanno che sono particolarmente fissata con la saga “Pirati dei Caraibi“. Infatti, ai tempi dell’Universit√† (*sigh* come passa il tempo…) volevo inserire la trilogia (nel frattempo mutata in tetralogia) nel comparto scientifico che avrei utilizzato per l’analisi della mia tesi di laurea triennale sugli errori di traduzione ed adattamento degli script originali nel cinema e nelle serie tv. Purtroppo, l’argomento era troppo vasto e riguardava una materia non curriculare (ndt: “traduzione audiovisiva” era una materia della specialistica e quindi non era attinente al mio piano di studi della triennale), perci√≤ la Professoressa dirott√≤ il mio diabolico piano su altro.

Savvy?
Comprendi?

Infatti, qualche anno dopo, ho “ripiegato” su una tematica diversa. {per√≤ questo ve lo racconto un’altra volta…}

Nonostante ciò, non mi sono arresa e ho continuato imperterrita a seguire le mirabolanti peripezie di Captain Jack Sparrow e di quei poveri adattatori che non hanno saputo proprio rendere giustizia alla saga.

La cosa che maggiormente mi ha perplessa e sconcertata – presumibilmente prima sconcertata e poi perplessa – √® stata la scelta dei titoli dei vari film che, fin dal primo (datato 2003), ha puntualmente lasciato intendere che NESSUNO si fosse preso il gusto di visionare la pellicola prima di fare l’adattamento.
Ma andiamo con ordine.
Ora, capisco che il genere possa non piacere a tutti e che magari Johnny Depp o Orlando Bloom non siano il prototipo del vostro uomo ideale, cos√¨ come Keira (biondina e segaligna) non lo sia della vostra “immortale amatissima”; posso anche passare sopra al fatto che, non sapendo dell’avvento del “2” e del “3” (e poi anche del “4” a cui, si vocifera, dovrebbe fare seguito un “5”), per il primo film sia stato omesso il riferimento alla serie “Pirati dei Caraibi”, MA (c’√® sempre un ‘ma’) non si pu√≤ tradurre “[Pirates of the Caribbean:] The Curse of the Black Pearl” (chiarissimo!) con un raffazzonato “La maledizione della prima luna“. Cosa c’era di difficile nel tradurre con un semplice “La maledizione della Perla Nera“? Perla Nera sapeva troppo di soap opera? Lo so, non era abbastanza EPICO. Just for the record: √® il nome della nave.
Qui, si potrebbe aprire una parentesi di una 20ina d’anni in cui riprendere concetti trattati e stratrattati sul perch√© e per come si debba scegliere di tradurre letteralmente un testo oppure cercare di mantenere il senso di ci√≤ che si intendeva nella lingua di partenza, portando il messaggio sullo stesso livello cognitivo dell’audience della lingua di arrivo con scelte linguistiche parzialmente o completamente differenti da quelle di partenza.
Io, personalmente, il film l’ho visto almeno 200 volte e di quella “prima luna” non c’√® traccia. Barbossa dice “La luce della luna ci rivela per ci√≤ che siamo in realt√†. Siamo uomini maledetti: non possiamo morire, per cui non siamo morti, ma non siamo nemmeno vivi“.¬†Eh. La ‘luna’ c’√® (e non ci piove). E la ‘prima’? Mistero!

Crozza_Kazzenger
Kazzenger!

Nel 2006, la storia si ripete. Qui un po’ mi ha pianto il cuore, lo ammetto. Il titolo originale √® struggente e al tempo stesso epico nella sua semplicit√† (once again). Il secondo capitolo della saga, infatti, si intitola “Pirates of the Caribbean: Dead man’s chest“. L’adattamento italiano non √® riuscito nuovamente a rendere giustizia all’originale. Il film da noi √® uscito con il titolo “Pirati dei Caraibi: la maledizione del forziere fantasma“.
Ovvio.
Perch√© cercare di riprendersi un minimo dal precedente scivolone? Giammai! Meglio continuare con ‘sta storia della ‘maledizione’ che ci piace assai! ūüėÄ E va bene… Dietro a quel “chest” c’√® un bellissimo gioco di parole volutamente scelto in inglese per collegare il fantomatico “uomo morto” al “forziere” (e/o al suo “petto”). Nonostante l’adattamento non mi piaccia tantissimo, devo ammettere che il senso della storyline √® mantenuto. Il forziere c’√®, non √® proprio ‘fantasma’, ma Jack Sparrow √® alla sua ricerca, perci√≤ lui non sa dove sia e questo √® grosso modo il plot del secondo film.

Una chicca estratta da questo capitolo √® un errore di adattamento (e doppiaggio). Da quando l’ho individuato, lo posto ovunque.

Errori di (traduzione e) doppiaggio:

[eng/orig. version] Hammer-head shark Pirate: Five men still alive, the rest have moved on.

[trad/doppiaggio] Pirata Squalo Martello: 15 rimasti vivi, il resto è trapassato.

La domanda sorge spontanea: se sullo schermo ci sono 5 attori pronti per essere giustiziati, un dubbio non ti viene?

No, evidentemente no. ūüėÄ

large

Devo dire che della [vera] trilogia questo √® il capitolo che mi √® piaciuto meno, forse perch√© lascia lo spettatore con moltissimi buchi temporali nella storia, molti interrogativi, qualche intuizione abbozzata a causa dei nuovi personaggi introdotti e, in pi√Ļ, non ha una vera e propria conclusione. [ndr: doveva essere un film “ponte”; un collegamento tra il primo film, di cui non ci si aspettava un cos√¨ grande successo, e il successivo, la conclusione della saga, su cui c’erano altissime aspettative. Effettivamente √® cos√¨ ‘ponte’ che quando appaiono i titoli di coda non riesci ad alzarti in piedi perch√© pensi ci sia ancora altro da vedere.]
Veniam perci√≤ al III capitolo uscito nel 2007. L’unico che EFFETTIVAMENTE non ha subito grossi sconvolgimenti a livello di adattamento. Voci che erano trapelate prima della sua uscita avevano dato, come probabili, due titoli differenti, cio√® “At World’s End” e “At Worlds End“. Non proprio lievissima la differenza tra le due opzioni. La prima si presta ad un pi√Ļ sottile gioco di parole, mentre la seconda lascia solamente intendere che il capitolo finale vede la fine dei “mondi” [ndr: quali mondi?]. La scelta √® poi ricaduta sul primo titolo, che gioca sulla fine del mondo intesa come atto finale di un’Opera, quindi una sorta di resa dei conti, ma anche come luogo ben preciso dove REALMENTE i protagonisti si recano durante il film. [WARNING: major spoiler!!!]

not the best time
Non mi pare il momento migliore! (Elizabeth Swan)

La traduzione in italiano √® abbastanza fedele ed infatti il film esce in Italia con il titolo “Pirati dei Caraibi: Ai confini del mondo” che riesce a mantenere parzialmente intatto il messaggio voluto con il titolo inglese. Potrei stare a parlare per dieci ore solo di questo film. E’ in assoluto il mio preferito. ūüôā

[*FANGIRLING TIME*]

Keep a weather eye on the horizon...
Tieni gli occhi piantati sull’orizzonte… (Will Turner)

A distanza di 4 anni (√® il 2011), esce nelle sale italiane, poi in quelle americane, “Pirates of the Caribbean: On Stranger Tides“. Il film √® liberamente tratto dall’omonimo romanzo di Tim Powers noto in Italia con il titolo “Mari stregati“. Un lettore/Uno spettatore attento a questo punto ha gi√† fatto 2+2, vero? Il titolo italiano √® quindi “Pirati dei Caraibi: Mari stregati“.

HAHAHA... NO.

Questa volta il titolo √® stato tradotto con “Pirati dei Caraibi: Oltre i confini del mare“.¬†Evidentemente, un pi√Ļ letterale “[PdC:] Verso acque straniere” o “Su maree sconosciute” avrebbe interrotto la continuit√† delle scelte linguistiche gi√† applicate alla traduzione ed utilizzare lo stesso titolo del libro avrebbe implicato l’infrazione di qualche diritto d’autore (?). Dunque, la mossa pi√Ļ appropriata √® stata – di nuovo – seguire la scia del capitolo precedente. Nasce perci√≤ un collegamento con gli ex “confini del mondo”, con l'”Aqua de vida” segnata sulla mappa, ¬†che porter√† Jack Sparrow a navigare su acque straniere, pi√Ļ lontane. Ok.¬†La domanda resta: PERCH√©?

WHY?!

Per la mia gioia – e per quella di chi come me si √® appassionato alla saga non solo per gli attori e i personaggi, ma anche per le vicende linguistiche che le gravitano attorno – √® in preparazione il V capitolo della serie, il cui titolo sar√† “Pirates of the Caribbean: Dead Men Tell No Tales“. Letteralmente possiamo tradurlo con “[PdC:] Gli uomini morti non raccontano storie” oppure, parafrasando un po’, con “[PdC:] I morti non mentono“. In verit√† “dead men tell no tales” √® un modo di dire anglosassone che significa “dead people will not betray any secrets” e che in italiano suona pi√Ļ o meno come “I morti non tradiscono alcun segreto“.
Sono veramente curiosa di vedere che cosa tireranno fuori dal loro cappello¬†gli adattatori¬†. ūüėČ L’uscita √® prevista per luglio 2015, manca solamente un annetto.

Vi lascio con un video STUPENDO in chiave ironica in cui vengono evidenziati, scena per scena, tutti gli errori in “POTC: The Curse of the Black Pearl“. Io sto ancora ridendo…

P.S.: grazie Wendy per avermi fatto capire che le .gif possono essere estremamente utili! ūüôā